Home Cultura Che cos’è il femminismo nero?

Che cos’è il femminismo nero?

243
0
Il femminismo nero
C. Oulato

 

Il femminismo nero è spesso frainteso, considerato non tanto diverso da altri movimenti femministi, l’equivalente del femminismo intersezionale o come un movimento contro gli uomini neri. Il femminismo stesso è spesso visto come monolitico, una causa che combina le cause di tutte le donne.

Il femminismo universale non può soddisfare le esigenze di tutte le donne. Rifiuta altre realtà come l’islamofobia, il sessismo, il razzismo, l’antisemitismo, il classismo e tutte le forme di oppressione che alimentano le loro condizioni. ll femminismo nero è fondamentale per le donne nere transgender e cisgender, al fine di sviluppare gli strumenti necessari per resistere e smantellare questo sistema oppressivo.

Gli inizi del femminismo nero negli Stati Uniti

Nell’Ottocento le questioni sociali erano incentrate sulla lotta per l’abolizione della schiavitù e il diritto di voto per tutti. Negli anni Trenta del XIX secolo, diverse associazioni femministe, come la Società Femminile Antischiavista di Filadelfia e la Società Femminile Antischiavista di New York, si unirono contro l’abolizione della schiavitù. Convenzioni, come la Convenzione nazionale sui diritti della donna tenutasi a New York City nel 1886, furono regolarmente organizzate per affrontare la questione del diritto di voto per le donne e la comunità nera.

Tuttavia, le associazioni femministe si divisero molto rapidamente sulla questione e le donne afroamericane vennero escluse dal club delle donne americane bianche. Fu in questo contesto che emerse il femminismo nero. Molte attiviste bianche si rifiutarono di allearsi con le attiviste nere, facendo riferimento alla loro discutibile etica e sollevando così un discorso sull’ideologia sessista e razzista moderna alla base di alcune delle pratiche più violente della storia, come lo stupro, la tortura, le molestie sessuali.

Le studiose afroamericane sostennero una serie di iniziative cruciali per gli inizi del femminismo nero. In quegli anni emersero anche le prime pubblicazioni che teorizzavano il concetto di femminismo nero, come Lola Leroy di Frances Harper, Voice from South di Anna Julia Cooper, Contending Forces di Pauline Elizabeth Hopkins.

combahee river collective
barbara-smith

 

L’esemplificazione dell’attivismo femminista nero attraverso il Collettivo Combahee River

Il secondo periodo chiave dell’evoluzione del femminismo nero è stato quello degli anni Settanta, grazie a scritti cruciali, iniziative e attività sociali. Il Collettivo Combahee River è stato una delle più importanti e prolifiche organizzazioni femministe. Il Combahee River Collective venne fondato nel 1974 da Barbara Smith, Cheryl Clarke e Gloria Akasha Hull, femministe nere e/o attiviste lesbiche.

L’organizzazione si è contraddistinta per i suoi “ritiri” diventati lo strumento per definire il suo progetto politico. I ritiri, che avevanolo scopo di creare uno “safe space” per le femministe nere, si svolgevano regolarmente. Oltre a condividere bei momenti e a riconnettersi con la loro spiritualità, le attiviste affrontavano discussioni approfondite che vertevano su questioni che ancora oggi rivestono la massima importanza come il rapporto tra il femminismo nero e il mondo accademico, l’amore tra donne -lesbiche, non lesbiche, bianche e nere e i conflitti di classe tra donne nere.

Nonostante la morte delle donne nere suscitasse varie emozioni, ben presto si levarono voci che esortavano le donne nere a restare a casa. Con grande sgomento, il Combahee River pubblicò un opuscolo intitolato Six Black Women: Why Did They Die? denunciando il duplice aspetto di questi crimini, sia razzisti che sessisti, e sottolineando l’urgenza di affrontare il problema della violenza contro le donne nella comunità nera, vista l’incapacità delle autorità municipali di riconoscere e affrontare concretamente il problema della violenza contro le donne nere.

La crescita del movimento femminista nero è proseguita con una tournée che ha riunito le artiste nere sotto il nome di Various Voices of Black Women, la pubblicazione nel 1978 di ‘Black Macho‘di Michèle Wallace e del primo manifesto sul femminismo nero Doble Jeopardy: to be Black and Female di Frances Beal.

Black feminism
Photo of the Combahee River Collective

La terza ondata coincide con la fine del femminismo nero nel mondo accademico, per un rilancio nel campo musicale?

Una terza ondata è seguita negli anni Novanta. Patricia Collins in Black Thought’ ha esplorato le idee delle femministe nere fondatrici, tra cui la sopravvivenza del femminismo nero attraverso l’emarginazione delle intellettuali femministe nere (Ann duCille (1996), ‘la politica perniciosa della risegregazione’ (Barbara Christian (1994) e l’inclusione delle scrittrici nere e l’esclusione delle donne nere dalla vita quotidiana in un sistema oppressivo (Hazel Carby (1992).

Il femminismo nero si manifesta non solo in un contesto accademico, ma anche in un contesto culturale, ad esempio attraverso la musica. Queen Latifah, Mary J. Blige, Missy Elliott, Lil Kim, hanno contribuito all’emancipazione delle donne nere attraverso i loro successi professionali o i loro testi che affrontano, tra le varie questioni, la liberazione sessuale, l’uguaglianza di genere, l’indipendenza finanziaria e il rispetto per le donne.

Il seguente testo della canzone dell‘U.N.I.T.Y. di Queen Latifah descrive quel tipo di situazioni spiacevoli che probabilmente tutte noi abbiamo dovuto affrontare indossando un abito corto in estate.

That’s why I’m talkin’, one day I was walkin’ down the block

I had my cutoff shorts on right cause it was crazy hot

I walked past these dudes when they passed me

One of ’em felt my booty, he was nasty

I turned around red, somebody was catchin’ the wrath

Then the little one said, “Ha ha, yeah me, bitch,” and laughed

Gli ideali femministi hanno continuato a manifestarsi nella musica negli anni 2000, in particolare con Nicky Minaj, Beyoncé e più recentemente con Cardi B.

Tuttavia, i critici sostengono che non si tratta di artiste femministe e che il “twerking non è femminista”.
Una frase alquanto riduttiva che sottovaluta l’impatto di queste donne. Nel complesso, il loro soft power contribuisce all’empowerment delle donne e affrontano le molteplici forme di sessismo, usando l’oggettivazione del loro corpo nella loro strategia di marketing. La domanda se sono femministe o meno non è di per sé molto rilevante, ma piuttosto chiediamoci qual è il loro contributo al movimento femminista nero e ad altri movimenti femministi, attraverso l’empowerment femminile?

Il Femminismo nero e Black Lives Matter

Black Lives Matter è stato recentemente sotto i riflettori. Si sono svolte molte manifestazioni, spesso all’insegna dell’attivismo performativo. Gli omicidi di donne cisgender e transgender non ricevono la stessa attenzione. Ad eccezione di Breonna Taylor, si sente parlare molto poco di violenza contro le donne cisgender e ancor meno di donne transgender.

Il sessismo colpisce anche la lotta per la giustizia sociale. Marcia Chatelain, studiosa di razza ed etnia, spiega i motivi in un’intervista alla rivista “Dissent”:” Il sessismo è un fattore, ma lo sono anche le forze del mercato -è emersa un’industria costruita sul risparmio, sulla riabilitazione e sulla disciplina degli uomini di colore, che ha attratto finanziamenti statali e arricchito alcuni leader di colore e le loro organizzazioni”.

A partire dagli anni ’80, il denaro pubblico e privato si è dedicato a risolvere i problemi dei ragazzi e dei giovani di colore in modi che non sono stati affatto implementati per le ragazze. Questo rafforza l’idea che in tempi di penuria, le ragazze e le giovani donne siano una priorità bassa”.

Il movimento Black Lives Matter deve continuare a lavorare per aprire il suo spazio di discussione e lottare contro la violenza che colpisce le donne cisgender e transgender, così come la comunità nera LBGTQIA+.

il femminismo femminista black
Demita Frazier of the Combahee River Collective.

Femminismo queer nero

Il femminismo queer nero è un insieme di approcci di pensiero, di espressione e di atti politici che critica le strutture del razzismo, del sessismo, dell’eterosessismo, del classismo e di molte altre forme di oppressione. Il termine “femminismo queer nero”espande le modalità esistenti del femminismo e dell’attivismo queer/LGBTQIA + (attivismo di e per le persone lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer, intersessuali e asessuali, così come per altri che sperimentano l’oppressione strutturale di genere e sessuale), evidenziando le connessioni tra razza, gender e oppressione eterosessista”.

Black feminism non era inizialmente definito come “femminismo queer nero”, come lo è oggi. Ma il femminismo nero è sempre stato “un movimento femminista queer nero”. Barbara Smith e Audre Lorde, due ricercatrici femministe lesbiche, hanno teorizzato e lavorato duramente per concettualizzare e prendere in considerazione le questioni delle donne lesbiche nere, affrontando temi come il separatismo lesbico e le relazioni amorose tra donne lesbiche bianche e nere.

Il movimento è in continua espansione anche grazie a coloro che stanno facendo avanzare il discorso femminista delle donne nere queer, centrando le esperienze delle donne trans nere e sollecitando il pensiero e l’azione anti-transfobica negli spazi neri, queer e femministi”.

Inoltre, il movimento include prospettive africane, caraibiche e sulla disabilità.

Femminismo queer nero
combahee river collective

Quale futuro per il femminismo nero

Allora perché gli Stati Uniti hanno bisogno del femminismo nero? Beyoncé, Michelle Obama, Viola Davis, sono figure che dimostrano che il femminismo nero ha vinto? Gli Stati Uniti sono regolarmente visti come un modello di successo per le donne nere con carriere di successo.

Una vetrina di successo così attraente ci porterebbe a credere che la società statunitense non abbia più bisogno del femminismo nero a causa della mobilità sociale. La visibilità non cambia in alcun modo i problemi che devono affrontare le donne afroamericane, intrinsecamente legate l’una all’altra: sessismo, razzismo, discriminazione e mysoginoir.

Le disuguaglianze hanno un impatto su di loro in molti settori, come in campo medico e lavorativo, per citare alcuni esempi. Le donne nere rappresentano il 10% dei posti di lavoro a bassa retribuzione, ovvero posti di lavoro che pagano meno di 11 dollari all’ora, ovvero circa 22.880 dollari all’anno, mentre rappresentano solo il 6,2% della forza lavoro totale.

Il femminismo nero rimane un progetto di giustizia sociale che deve essere continuamente sostenuto attraverso testi retorici, dibattiti, manifestazioni, progetti culturali e associativi.

È fonte di ispirazione il femminismo nero in Nord America  e fondamentale per molte altre diaspore nere: viene pluralizzato e adattato a diverse realtà.

Articolo di Aissa Sica  pubblicato sul blog POC Stories e liberamente tradotto da C.Oulato.

Bibliografia

Le Combahee River Collective, pionnier du féminisme Noir, Jules Falquet, 2006

Black Queer Feminism, Mecca Jamilah Sullivan, 05/2019

« Black Feminism Revolution ! » La Révolution du féminisme noir aux États-Unis, Elisa Dorlin

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.